“Una donna” di Annie Ernaux L’orma editore

Prendo in prestito le parole del grande Marco Missiroli che di questo libro ha scritto “L’addio spietato alla madre”.

Ancora una volta la grande Ernaux parte da un episodio di storia vera, un suo vissuto; in questo libro “Mia madre è morta lunedì 7 aprile”.

Un linguaggio, tagliente, preciso, che scolpisce il cuore. La Ernaux ancora una volta commuove senza consolare. Troviamo la nascita e la morte, la nostalgia, la rabbia, la sofferenze e ricordi.
.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-
Sottolineando
– Una storia privata che diventa universale.
– Un libro dove la malattia diventa una scoperta di una vita.
– Uno stile unico, assolutamente da leggere.

2 commenti su “Una donna, una madre, vista da Annie Ernaux”

    1. Io no impresso nella mente esattamente il momento nel quale l’ho letto e ho pianto. Ad ora è il mio preferito della Ernaux. Però se dovessi leggerlo in questo momento credo che non ne avrei la forza emotiva….non tutti i libri sono adatti in qualsiasi momento. Non trovi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *