Io, il libro e Glee (che non è ovviamente un Labrador).

“Restiamo ad ascoltare ogni cosa. Sentiamo le bugie e fiutiamo la verità. ..Dopotutto, chi se non un cane può starsene accucciato a osservare la realtà….Noi siamo lì sempre. Ad ascoltare ogni cosa e a offrire le nostre silenziose parole di conforto”.

Se hai un cane queste parole di Matt Haig nel suo ultimo libro “Il patto dei labrador”  Edizioni E/O ti suonano familiari.

La famiglia Hunter si trova ad affrontare la vita con le scelte tipiche di questi tempi. Ma un cane può essere sempre fedele alla sua famiglia e in che modo?

Questa sembra, di primo acchito, la domanda che fa da sfondo a tutta la narrazione. Io leggendolo, però, ho trovato che questa domanda in realtà ne contiene molte altre, legate al senso del dovere, del rispetto, alla verità e alle bugie o anche al non dire.

C’è molta vita nel libro, quella di tutti i giorni, quella che porta ad amare e a tradire, a provare a superare i limiti nell’adolescenza, quella che fa capire i confini dell’amicizia e del rispetto per gli altri, ma soprattutto c’è la voce della coscienza che spinge a compiere alcune scelte.

L’incipit fa intuire quello che può essere il finale, ma la narrazione porta il lettore a dimenticare le prime pagine, salvo poi ritrovarcisi e sentire un pugno allo stomaco.

A me sono scese le lacrime.

Oggi ho accarezzato ancora di più la mia Glee, abbiamo giocato al nostro “cerca” e siamo scesi in giardino a giocare con la pallina, si siamo guardate e, senza parole, capite …come sempre.

Su @criticalettearia la mia recensione del libro.

10 commenti su “Una famiglia vista da un cane”

  1. Pingback: Io e lei – ACCENDI LA VITA

  2. Non ho ben capito come sarà il finale, ma non so perché ho la sensazione che per il fedele labrador non sia delle migliori. Spero tanto di sbagliarmi.
    Però i complimenti per il tuo presentare i libri, li meriti tutti. Alla fine, come al solito, mi sono mto incuriosita e lo metterò nella lista degli acquisti, che nonostante ogni tanto viene depennata al momento di un acquisto, diventa sempre più lunga.
    Saluti, Patrizia

    1. Cara niente spoiler sul finale….ma diciamo che hai intuito, purtroppo.
      Una abbraccio e grazie che mi leggi sempre
      e

  3. se ne và .?
    allora niente libro leggo la tua recensione e basta
    tutte le mattine vado a camminare con le pelosette ,la mia Susy e Pallina che altrimenti starebbe sempre nel recinto (ok ha giardino grande e pappa ..quasi sempre ..ma carezze e giochi quasi mai ..solo x far foto x social)
    e alla fine son tutte e 2 mie..mi fanno tante feste ,bacini ..e appena mi vedono abbaiano come matte ..e via felici a camminare , si ci vado per me mi piace tanto ma anche per loro ..a volte non ne ho voglia ma vado per loro ..
    e poi finita la camminata , passiamo dove c’è LUI ..
    e li lacrime scendono copiose tutte le volte che passiamo davanti ..anche se son passati 4 mesi che è andato via ..fà ancora TANTO male ..sto piangendo mentre scrivo ..
    come và come stai ??
    qua bene ..ma ogni tanto ansia strisciante
    abbraccio immenso

    1. Cara Tiziana, immagino come sia difficile.
      Qui…stiamo come tutti in una grande bolla e con tutti gli esami e le punturine rimandate.
      Un abbraccio grandissimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *