Ogni società ha un proprio metodo e un proprio approccio alla selezione.  Il selezionatore può avere una formazione più psicologica o più aziendale e anche questo può determinare la modalità di interloquire con il candidato.

Negli anni ho notato, tuttavia, che al di là del profilo e del ruolo per il quale sto facendo una selezione, ci sono domande che lasciano i candidati spiazzati.

Quindi se stai andando a sostenere un colloquio pensa a cosa potresti rispondere quando ti chiedono:

  • – si descriva con 3 aggettivi (anche la sintesi ha il suo peso)
  • – cosa pensa si possa migliorare nel suo approccio al lavoro? (la perfezione non esiste!)
  • – come si vede tra 5 anni? ( è importante dare l’idea di avere un percorso in testa)
  • – sa delegare? (nei ruoli più manageriali è determinate come viene articolata questa risposta).

E tu hai qualche domanda che durante il colloquio ti ha messo in difficoltà?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *